Migliore piastra per panini

La fame colpisce nei momenti più impensabili e, quando capita, è importante avere a disposizione uno strumento utile come un’ottima piastra per panini. 

A prescindere da dimensioni e funzionamento, tutte le piastre permettono di tostare i panini al meglio, concedendoci un piccolo momento di piacere. 

Oggi scopriremo le 10 migliori piastre per panini, considerano la nostra lista che comprende solo i migliori prodotti scelti in base alle recensioni di utenti reali.

Guida – Come scegliere una piastra per panini?

Scegliere la migliore piastra panini richiede un minimo di studio delle componenti, così da essere sicuri di star rivolgendo la propria attenzione ad un prodotto funzionale e resistente. 

Ad oggi esistono diverse varietà di piastre per panini, che rispondono ad esigenze e caratteristiche differenti. 

Scopriamo insieme quali sono i canoni principali che ci aiutano a scegliere con facilità. 

Caratteristiche generali 

Una piastra elettrica per panini che si rispetti deve consentire a chi la utilizza di scaldare e tostare pane di tutti i tipi. Inoltre, nella maggior parte dei casi è possibile sfruttare la piastra per cuocere bistecche e fettine di carne, traendo il massimo dalle sue prestazioni. 

Va poi preso in considerazione il materiale, in base al quale si stabilisce il livello di resistenza dello strumento. In secondo luogo, è necessario considerare la potenza della piastra e la sua velocità di cottura. 

Materiale

La piastra per panini è disponibili in tre versioni, che sfruttano tre materiali differenti: ghisa, acciaio e la neo aggiunta vetroceramica. 

La ghisa è in assoluto il materiale più utilizzato, apprezzato soprattutto da chi predilige una cottura lenta e tradizionale. Per scaldarsi impiega qualche minuto, rispetto alla vetroceramica che è molto più veloce. 

Tutte le piastre in vetroceramica risultano essere particolarmente leggere e facili ad adoperare, oltre che solitamente più economiche. 

Potenza 

La potenza fa riferimento alla velocità di cottura, al livello di temperatura che la piastra può raggiungere e alle sue prestazioni generali. 

E’ chiaro che più una piastra è potente, più è probabile che assicuri una cottura ottimale dei prodotti.

In generale, la potenza varia da un minimo di 1600 Watt – nei modelli più economici – fino a 4000 Watt per i modelli professionali. 

Domande Frequenti (FAQ)

Passiamo ora ad alcune delle domande più frequenti che vengono spesso rivolte dai nuovi clienti alle case di produzione. Attraverso le risposte proveremo a chiarire qualsiasi vostro dubbio, aiutandovi a scegliere la piastra per panini migliore. 

La grandezza della piastra panini varia in base al modello. Tuttavia, è possibile fornire delle misure “standard”, che combaciano con quelle della maggior parte dei prodotti attualmente disponibili sul mercato.

Solitamente, la grandezza si aggira intorno ai 70 x 50 centimetri, nonostante siano disponibili anche piastre più piccole e piastre più grandi. 

Non appena si collega la macchina alla corrente, è necessario aspettare qualche minuto affinché arrivi a temperatura. Nella maggior parte dei casi, la piastra per panini è dotata di una luce led accanto al bottone dell’accensione, che si illumina quando arriva il momento di posizionare il cibo. 

I tempi di cottura variano in base ai vostri gusti ma, in linea generale, cuocere un panino alla perfezione non vi richiederà più di 3 minuti per lato.

La resistenza è strettamente legata al materiale di produzione. Le piastre per panini in ghisa sono famose per resistere anni e anni, senza nemmeno graffiarsi o deformarsi. 

Al contrario, le piastre in acciaio e vetroceramica tendono a rovinarsi più in fretta, nonostante siano comunque necessari almeno due anni di utilizzo. 

Per ripulire accuratamente la piastra dovreste staccarla dalla corrente, aspettando che si raffreddi completamente. 

A quel punto potete procedere alla pulizia aiutandovi con una spugnetta o una pezza in microfibra. Insistete di più nei punti in cui il cibo si è incrostato alla piastra ma cercate di non esagerare, altrimenti la vernice potrebbe venire via. 

Il costo di una qualsiasi piastra per panini può variare in base alle sue prestazioni, al materiale e alla casa di produzione. 

I modelli più economici – e meno resistenti – costano circa 25/30€, mentre i modelli professionali arrivano a costare anche 500€.